2 miliardi di volte Facebook!


2 miliardi di volte Facebook!

Non si è trattato di compleanno, né di anniversario, ma questo è stato senz’altro un momento da ricordare: Facebook, il social network numero uno al mondo, ha raggiunto un nuovo record di utenti e festeggiato a fine mese di giugno 2017 i due miliardi di iscritti.

A cosa punta ora? Il social vuole fare comunità: perché parole, immagini e reazioni abbiano sempre più un valore sociale.

Tutti i numeri di un nuovo traguardo

Dei 7,5 miliardi di persone abitanti la Terra,  3,5 miliardi sono sul web: con i 2 miliardi di utenti iscritti Facebook copre circa il 60% della popolazione internet del mondo.

Il successo numero uno del social era stato nel 2012 (a 9 anni dal lancio), quando raggiunse il primo traguardo: 1 miliardo di utenti. Dopo solo 5 anni raddoppia, portando alla luce altri dati molto interessanti:

  • 175 milioni di utenti interagiscono ogni giorno utilizzando la reaction “Love”
  • 800 milioni di persone in media quotidianamente mettono almeno 1 Like a un post
  • Più di 1 miliardo di utenti frequenta i gruppi

Un vero colosso! Anche in relazione alle altre piattaforme: YouTube conta oggi 1,5 miliardi di utenti; 889 milioni sono gli iscritti a WeChat; 700 milioni pubblicano su Instagram; 328 milioni utilizzano Twitter e 255 sono gli utenti attivi su Snapchat.

2 miliardi di volte GRAZIE!

All’annuncio dei 2 miliardi di utenti registrati, Mark Zuckerberg e il suo staff hanno ringraziato e annunciato nuove esperienze in arrivo.

Ne sono un esempio alcuni mini video che già da tempo spopolano sul social, l’ultimo dei quali – Good Adds Up Personalized Video – celebra il contributo di ogni utente nel rendere il mondo più unito.

Altro format celebrativo già attivo da mesi è quello che compare in bacheca il giorno dell’anniversario di un’amicizia stretta sul social.

Le foto e le interazioni (reactions reciproche sui propri post pubblicati) pescate sui profili sono montate in un filmato che ricorda il momento e può essere condiviso sulla bacheca dei due utenti, a loro discrezione.

Nuove esperienze personalizzate

Ma non finisce qui! Facebook è chiamato a gestire sempre più responsabilità, infatti sta dando alle persone il potere e gli strumenti per costruire community, avvicinando il mondo. Le persone possono contribuire attivamente al benessere dei gruppi a cui hanno scelto di aderire o, nella miglior ipotesi, creare.

Per questo, per il futuro, sono in previsione diverse nuove esperienze che gioveranno a ciascun utente e chissà, forse anche al benessere della grande famiglia virtuale che su Facebook condivide passioni, intimità, emozioni e la più semplice quotidianità:

  • rafforzamento della policy contro odio e discriminazione
  • estensione di Internet anche nelle zone più disagiate del Pianeta attraverso l’utilizzo di droni solari
  • potenziamento  della moderazione contro il terrorismo
  • attivazione della safety check in caso di calamità
  • sviluppo di tool per il found rasing
  • lotta alle fake news

Soprattutto in termini di moderazione l’impegno di Facebook dovrà essere attivo. Le segnalazioni contro gli abusi sono oggetto di discussioni da anni: ma qual è il metro di giudizio adottato dai social network?

Grazie ai documenti divulgati recentemente ci sono maggiori indicazioni e appare sempre più evidente il senso di comunità che si vorrebbe trasmettere e condividere. Tuttavia, non è certo semplice: la distinzione tra mondo reale e virtuale è sottile, i rischi simili e l’impegno perché la convivenza funzioni elevato.

Oggi Facebook cerca di ispirare, rendendo l’esperienza utente sempre più coinvolta e attiva: negli Stati Uniti sta producendo e provvederà a condividere alcuni video novità che raccontano storie di utenti che sono piaciute al social, perché hanno capito e adottato il suo principale obiettivo: creare comunità, dando un valore sociale alla propria esperienza online.  


Marketing km zero

Siamo una Web Agency di Bergamo specializzata nell'ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca.
Contattaci per avere maggiori informazioni.